Mark Twain aveva una buona abitudine. Prima di mandare una lettera dai toni accesi, la teneva in tasca per 5 giorni e se dopo 5 giorni ne era ancora convinto, allora la mandava. Ai tempi della comunicazione instantanea e dei Social Media, penso che il suo monito sia più attuale che mai. Nell’ultimo anno, Trump per poco non dava inizio a una guerra nucleare per i suoi Tweet contro Kim Jong Un, Elon Musk stava per far fallire la Tesla a causa di un suo Tweet in cui condivideva l’idea di privatizzare la sua azienda e, qualche giorno, fa Dolce e Gabbana si sono inimicati un intero paese (la Cina….) per un video e un commento su Instagram. Di fronte a tutto questo, mi viene da pensare che forse aveva ragione Mark Twain. Forse serve tempo per essere sicuri di un proprio pensiero, prima di condividerlo. Soprattutto se si è un personaggio pubblico o un imprenditore. Perché, prendendo ispirazione dalla celebre frase che lo zio di Spider Man diceva sempre a suo nipote: con grande visibilità arrivano grandi responsabilità.

“Gli alberi che crescono lentamente producono i frutti migliori.”

— Molière

Strumenti per posticipare le tue pubblicazioni.

Personalmente seguo sempre il consiglio di Mark Twain. Scrivo le mie newsletter con una settimana di anticipo, le mail più importanti le scrivo il giorno prima e anche i miei post sul blog li scrivo con circa dieci giorni di anticipo. Questo mi dà la possibilità di organizzare meglio il mio piano editoriale e di ripensare a quello che ho scritto. Per farlo uso questi strumenti:

  • Later per calendarizzare i miei post su Instagram.
  • WordPress per calendarizzare i miei post sul blog.
  • Il plug in per WordPress “WP To Twitter” per sincronizzare i post del blog con Twitter.
  • Mailchimp per calendarizzare le mie newsletter.
  • Mailpoet per inviare in automatico i post del mio blog via mail.
  • Buffer per calendarizzare i miei post su Twitter e Linkedin.